LOST GIRLS: DOVE LA GIUSTIZIA FALLISCE

Recensione nel tempo di un caffè

Lost Girls è un film del 2020 diretto da Liz Garbus, il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Robert Kolker ed è tratto da fatti realmente accaduti. La trama segue la vicenda dal punto di vista di Mari Gilbert (Amy Ryan), una donna che dopo la scomparsa della figlia maggiorenne, fa di tutto per ritrovarla, e sprona incessantemente le forze dell’ordine a fare lo stesso, ciò porta alla scoperta di cadaveri di prostitute sommersi sotto la sabbia della spiaggia e della palude.

Un giallo, che però non segue le vicende del caso e delle indagini, quanto più il punto di vista della famiglia della ragazza scomparsa, una vicenda ancora del tutto misteriosa ed è tutt’ora uno dei casi irrisolti più clamorosi d’America. Questa pellicola si sofferma molto sulla forza d’animo di Mari Gilbert che aveva fatto di tutto per capire cosa fosse successo a sua figlia, la polizia fece davvero molti sbagli e nonostante fosse spronata da quella madre disperata, le indagini non portarono a nulla.

Un film dai toni molto impostati, differente dai soliti thriller gialli, meno indagini è più sentimenti, uno sguardo alle famiglie delle vittime e alle loro reazioni, a tratti forse un po’ confusionario, con una mancanza di dettagli che fa perdere un po’ lo spettatore. Tutto è confuso, ma inerente con quanto successo nella realtà. Suggestiva la location che trasmette una forte sensazione di angoscia e desolazione.

Il difetto del film è che rimane un po’ piatto e poco coinvolgente, le indagini sono messe troppo in secondo piano, e la trama risulta un po’ povera e senza spunti da renderla un po’ più interessante. Purtroppo la scelta di avere un punto di vista differente dal solito detective non funziona, anche perché è davvero molto difficile empatizzare con le protagoniste.

Un film che voleva celebrare la forza di volontà di una madre, ma che non riesce del tutto a trasmettere profondità, sensazioni e sentimenti e che rimane un po’ spento e confuso per tutta la sua durata. Gli spunti interessanti a livello di regia ci sono, ma nel complesso un film che sicuramente poteva essere fatto meglio. Lo consiglio comunque agli appassionati di genere che possono vedere un giallo/thriller con un punto di vista differente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: