QUATTRO CHIACCHIERE: 13 (REASON WHY), RIVERDALE , ELITE: QUANDO I TEEN DRAMA REGGONO SOLO LA PRIMA STAGIONE

Perchè i teen drama più popolari e recenti, non riescono a mantenere la qualità delle loro prime stagioni?

Volevo parlare un po’ della mia impressione sui Teen drama che ho visto ultimamente, è vero non sono proprio un fan del genere, perchè certe volte risulta davvero troppo adolescente e banale, ma devo ammettere con ogni tanto mi piace guardare qualcosa di diverso e più giovane.

Non mi metto ad analizzare tutti i teen drama sul pianeta terra, parlerò dei tre elencati nel titolo, tre serie tv diverse tra loro ma con il genere in comune e a mio parere in comune, hanno anche il fatto che dopo la prima stagione crolla tutto il buono che era stato fatto.

Di per se penso siano prodotti adatti a storie brevi, non si può caricare di troppi eventi un passaggio della nostra vita che praticamente duro solo 5 anni, anni in cui siamo tutti un po’ disorientati e ingenui, pensiamo di sapere tutto ma non sappiamo nulla.

In queste serie, la prima stagione è ben strutturata, è godibile e penso che sia comunque un ottimo prodotto da guardare, solitamente hanno anche una bella trama ed è facile affezionarsi ai personaggi.

Però andando avanti con le stagioni e gli episodi diventa tutto e sempre troppo assurdo, forzato e bigotto, difficile provare empatia per situazioni così distaccate dalla realtà.

è proprio questo il punto, in queste serie non deve mai mancare l’empatia tra lo spettatore e i personaggi, siamo tutti stati adolescenti o lo siamo quando guardiamo queste serie, abbiamo bisogno di ritrovarci in certi sviluppi della trama, in certi momenti e attimi.

Riverdale ha una buona prima stagione, c’è un mistero, un filo logico che collega tutti gli eventi e manda avanti tutta la serie, c’è un obiettivo e difficilmente la serie esce dal suo stile e dai suoi binari.

Si ok, è palesemente un teen drama ed è anche volutamente fumettato essendo tratto da un fumetto, però mantiene una sua linea e la trama sa essere convincente e anche avvincente, crea curiosità.

Dalla seconda stagione è il degenero più totale non si capisce più nulla e tutto buttato in mezzo senza senso, i personaggi perdono tutte le loro caratteristiche e diventa tutto molto trash e pulp.

Difficile riconoscersi in una trama del genere, diventa tutto troppo complicato e assurdo, senza alcuna logica o contatto con la realtà, il paesino o città di Riverdale diventa un parco giochi per pazzi fuori di testa, con omicidi sparsi un po’ ovunque e criminali e sette, un po’ di tutto insomma.

Non si riesce più a dare un’età ai protagonisti che fanno di tutto tranne che andare a scuola, uno più problematico dell’altro con strani ideali e prese di posizione assurde, non c’è per nulla empatia con lo spettatore.

Non avrei mai pensato di vedere un cross-over tra High school musical e Scoody-doo, ma Riverdale ci è riuscito alla perfezione stagione dopo stagione, tutto sempre più assurdo, stupido e senza alcuna linea narrativa, si fa ciò che viene in mente sul momento.

Ci sono davvero un sacco di cose ridicole e personaggi sempre più assurdi, i protagonisti non hanno davvero più senso, forse solo alcuni mantengono le loro caratteristiche, gli altri non si capisce lo sviluppo e la crescita del personaggio.

Perde davvero tutto il senso e lo spirito di un buon teen drama, si getta nei meandri del trash con bambini che fanno i bikers, una rossa che diventa la nuova Katnis di Hunger Games e uno che passa dalla musica a fare a botte con tutto ciò che si muove perchè vuole salvare il mondo.

C’è pure uno dei due gemelli di Zack & Cody, che va in giro con la cuffia, sempre, con il giubbotto da duro con la scritta serpents e che passa da voler fare lo scrittore a fare a botte con tutti perchè vuole, vuole, aspetta che vuole questo? Penso salvare il mondo, ma non ne sono sicuro.

Non posso non parlare di Elite, serie tv spagnola che cavalca l’onda del successo de “la casa di carta”, e che ne prende in prestito anche qualche attore.

Anche in questo caso devo ammettere che la prima stagione non mi è dispiaciuta, anzi lo trovata carina, con una trama abbastanza intrigante e che comunque era riuscita a mettermi curiosità.

Anche i personaggi devo dire che sono scritti bene e si collocano perfettamente nella scuola, le divise molto emblematiche e anche la storia in se a livello di idea iniziale può creare molta curiosità, quindi ha dei pregi da sottolineare.

Tocca anche temi importanti, lo fa in modo preciso, non troppo pesante, sono trattati bene e aggiungono qualcosa alla trama che comunque nella prima stagione e lineare e segue il suo obiettivo finale che ci viene mostrato subito e ci fa subito chiedere come si è arrivati fino a quel punto.

La recitazione non è delle migliori e già nella prima stagione qualche elemento un po’ di trash si presenta all’improvviso quasi inaspettato, fino a poi diventare semplice routine soprattutto in alcuni personaggi, però nel complesso anche questo momenti penso siano ben collocati nel contesto.

Dalla seconda stagione, si cambia registro, ovviamente in peggio, anche qui la situazione degenera, i personaggi spariscono perchè costa troppo tenerli, la trama diventa assurda e veramente troppo carica di eventi per essere un semplice teen drama.

Troppi, davvero troppi drammi, muoiono davvero troppe persone, troppe circostanze assurdo, troppi cambiamenti e comportamenti non congrui con quello che avevamo imparato dei personaggi.

Il trash diventa elemento cardine della serie, la recitazione sempre più pessima e sviluppi della trama fini a se stessi e veramente inutili, la serie diventa una sfilata di modelli e modelle per lustrare gli occhi di chi guarda la serie, ma nel complesso diventa davvero ridicola e forzata.

Poi c’è uno che fissa, che fissa tutti, va in giro in bici e fissa tutti e vuole salvare il mondo, ragazzo onesto e buono come il panne, si innamora di tutte e poi torna a fissare male le persone.

Poi c’è gente confusa, drogata e ancora più confusa, che prima vuole fare a botte poi si butta in piscina, poi si droga e poi se la prende con chi si droga, poi si passa dalle amicizie a normalissimi threesome sessuali che sono fini a se stessi e che alla trama non danno molto se non stranezza e confusione.

Si perdonano e si amano tutti, poi niente litigano, poi si perdonano e quello che fissa la gente mangia la pasta riscaldata al microonde per poi fare a pugni perchè lui è arrabbiato, vuole la verità, poi però fa pace e poi no.

13 reason why, questa serie dovrebbe essere ad esempio per tutti, un esempio per tutti e tutto e per qualsiasi essere umano che vorrebbe lavorare nel mondo del cinema e delle serie tv.

Un esempio di come dopo la prima stagione, a volte, bisognerebbe fermarsi e non fare più nulla, fermarsi quando ancora tutto e salvabile e non buttare tutto nella spazzatura facendo altre stagioni.

La prima stagione di 13 è tratta da un libro e funziona alla grande, è bella, crea una fortissima curiosità e nel complesso è davvero ben presentata e fatta, tratta di un argomento serio come il suicidio e lo fa con molta serietà e facendoci immergerci in mondo credibile e realistico.

Trascende dai classici teen drama, per dare spazio ad una storia molto più complessa e seria di quello che ci si aspetta, con argomenti di un certo pesi e trattati con il giusto stile narrativo e di regia.

La prima stagione ha davvero un sacco di pregi, dalla recitazione, alla scrittura dei personaggi, “13” è un prodotto di ottimo livello che ti fa guardare l’intera stagione con curiosità che ci cattura fino alla fine di essa.

Il problema è che questa serie poteva e doveva concludersi con la prima stagione, essendo comunque autoconclusiva, e con una trama che non poteva e non doveva essere prolungata al di là del libro da cui è tratta.

Fin da subito la seconda stagione è una continua forzatura e quello che dovrebbe essere un teen drama diventa un terribile dramma, troppo esagerato e con troppi eventi per essere un semplice liceo.

Si distacca totalmente dalla realtà che aveva contraddistinto la prima stagione e si butta in un elenco di tutte le cose brutte che possono succedere ai giovani, però tutte ai soliti protagonisti, tutto troppo assurdo.

Poco a poco, stagione dopo stagione si perde interesse e empatia con i protagonisti, con contrapposizioni e ipocrisia sparse per tutta la trama, con il protagonista che diventa da timido e buono a pazzo e basta, senza più senso e esagerando sempre.

Clay che si alza incazzato, fa a pugni, le prende, poi parla con i fantasmi, poi fissa la gente (vi ricorda qualcuno?), poi è arrabbiato e parla con se stesso e poi fa pugni e salva il mondo, tutto questo in un circolo infinito che si ripete in continuazione nella trama.

Poi sono tutti dei cattivi, maniaci e assassini, ma in fondo no sono tutti buoni, dopo che sono morti, prima no, prima sono davvero delle pessime persone, la scuola è davvero un disastro che ormai conta i morti e le vittime di stupro ogni giorno.

La serie si impone di voler insegnare qualcosa, di voler aiutare che soffre la piaga del bullismo, ma lo fa davvero in modo stupido e ridicolo, rendendo tutto troppo assurdo e totalmente lontano dalla realtà, che più che insegnare ci fa stufare e ridere per il ridicolo.

I personaggi sono tutti dei pazzi, non c’è una crescita una identità, tutti sono vittime sofferenti in un mondo ormai fatto solo di cose terribili, troppo surreale davvero.

Il problema di questi teen drama è aggiungere carne al fuoco dimenticandosi della realtà in cui sono collocati i personaggi, che perdono di credibilità e che alla fine della serie, stagioni dopo stagioni gli attori hanno 40 anni e devo interpretare degli adolescenti.

Ogni nuovi personaggio è debole, la recitazione va calando, la trama è un calderone senza senso che non porta a nulla, con la follia esposta in modo stupido e noioso quasi snervante.

Se avete voglia di guardarvi uno di questi teen drama vi consiglio di fermarvi alla prima stagione, o comunque se volete andare avanti sappiate che è un degenero totale.

Forse solo la curiosità vi potrà salvare….

Una opinione su "QUATTRO CHIACCHIERE: 13 (REASON WHY), RIVERDALE , ELITE: QUANDO I TEEN DRAMA REGGONO SOLO LA PRIMA STAGIONE"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: