KONG – SKULL ISLAND: L’INIZIO DI UN NUOVO UNIVERSO CINEMATOGRAFICO IL “MONSTERVERSE”

Recensione nel tempo di un caffè

Kong: Skull island è un film del 2017 e fa parte di un nuovo universo cinematografico chiamato Monsterverse, e iniziato con il film Godzilla (2014). Kong è in parte un reboot del famoso film “King Kong”, ma la storia è completamente diversa e vuole collocarsi in questo universo ben preciso, dove ci sono delle mega creature (mostri) presenti sulla terra. Come in Godzilla, Kong è un protettore del pianeta, da creature molto più spaventose che vengono dal sottosuolo.

In questo film la storia si svolge praticamente tutta sull’isola, un isola piena di strane creature misteriose, tra cui la famosa scimmia gigante, un isola misteriosa nascosta da una grande tempesta e praticamente irraggiungibile. La trama si concentrata di più su Kong rispetto ai film precedenti e ci da qualche informazione in più, dimostrando il potere di combattimento di King Kong, un film che serve principalmente per prepararci allo scontro con Godzilla nel sequel. Devo ammettere che King Kong è un prodotto che invecchia bene, come Godzilla è facile da riutilizzare e con le nuove tecniche di CGI rendono sempre di più, sono davvero fatti bene, quasi reali.

Kong: Skull island è un film che mette un po’ da parte la trama e i dialoghi per lasciare spazio all’azione e alle scene di lotta tra le diverse creature dell’isola. Visivamente è sicuramente un film spettacolare, e punta tutto su quello, un grosso cast ne fa da contorno e aggiunge qualcosa ad un film che nel complesso non sembra avere molte idee. Kong è davvero spettacolare, curato nei dettagli ed è il più grande di sempre, le sue dimensioni crescono in ogni film. Mi è piaciuta l’interpretazione di Tom Hiddlestone, mentre il resto del cast non mi ha convinto del tutto. Il film non annoia mai, perchè sia visivamente che come ritmo non smette mai di stupire.

Bella l’idea di cambiare la trama dai famosi film precedenti, ma in molti suoi aspetti non mi ha convinto più di tanto, anzi a volte risulta troppo banale e alcuni personaggi sono difficili da capire, anche la rivalità tra Kong e il tenente Packard (Samuel L. Jackson), è difficile da capire, troppo forzata. Bella invece la storia del soldato americano intrappolato sull’isola da anni.

Nel complesso un film piacevole che non risulta mai noioso, lo consiglio anche perchè fa parte del Monsterverse e da la possibilità di capire qualcosa in più per vedere altri film di questa “saga”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: