SNOWPIERCER – STAGIONE 3: RECENSIONE

Recensione nel tempo di un caffè

Snowpiercer arriva alla sua terza stagione, distribuita in Italia da Netflix, la serie è liberamente tratta da una graphic novel. Una serie e una storia abbastanza unica nel suo genere, che tra alti e bassi mantiene un buon livello narrativo, senza conquistare mai del tutto.

La seconda stagione aveva alzato il livello rispetto alla prima, aggiungendo dinamiche e personaggi davvero interessanti, la terza stagione mantiene lo stesso livello e aggiunge un obiettivo che prospetta la fine della serie, o comunque una svolta fondamentale.

Il finale lascia molta curiosità, ma non forse abbastanza come dovrebbe, la serie e piacevole ben scritta e con buoni personaggi, ma non riesce mai davvero a sorprendere, visivamente o narrativamente. Una serie che sembra sempre essere low budget e che non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale, perdendosi in sottotrame che danno si qualcosa in più ma che a lungo andare stufano lo spettatore. Scelte e dinamiche sempre più complesse, con gli ultimi due episodi che vanno a mille allora rispetto al resto della stagione che tiene comunque dei toni lenti, a volte troppo e inconcludenti.

Sicuramente la cosa positiva è che in questa stagione è che c’è molto materiale, molte storie, incroci narrativi e nuove scoperte, ogni episodio offre novità e il confronto tra i protagonisti è sempre accesso. La promessa del nuovo è Eden è il fulcro della storia e ci porta ad immaginare un mondo fuori dal treno, con la speranza che accompagna ogni episodio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: